Chi siamo

STORIA DEL PREMIO > Nel panorama nazionale delle rassegne dedicate all’arte contemporanea, il Premio Internazionale Bice Bugatti-Giovanni Segantini è uno dei più importanti e longevi
Era il 1959 quando, per volere del pittore Vittorio Viviani, fondatore della Libera Accademia di Pittura, e dell’allora sindaco di Nova Milanese, Carlo Fedeli, venne istituito il Premio di Pittura dedicato a Bice Bugatti, compagna del grande artista Giovanni Segantini, e figura femminile affascinante e carismatica
Nato inizialmente come prova estemporanea rivolta ai giovani fino ai 35 anni di età, venne affiancato cinque anni più tardi dal Premio di Disegno intitolato allo stesso Giovanni Segantini. Da quel momento le due rassegne si sono alternate negli anni, assumendo così una cadenza biennale, per venire unificate in un unico premio nel 2010. In oltre cinquant’anni di storia la struttura organizzativa del Premio è stata modificata e affinata, nell’intento di soddisfare una sempre crescente esigenza qualitativa conseguente all’incremento del suo prestigio nell’ambito delle competizioni dedicate all’arte contemporanea. Risale al 1977 la decisione di affiancare agli artisti selezionati tramite bando una seziona a invito tutt’oggi esistente.

 

LA SEZIONE PROGETTI INTERNAZIONALI > Dal 2009 al 2012 il Premio Internazionale Bice Bugatti-Giovanni Segantini è stato affiancato da una sezione speciale, dedicata esclusivamente agli artisti sudamericani di Bolivia, Cile, Argentina e Perù, curata e organizzata dal Bice Bugatti Club in collaborazione con il Proyecto mARTadero (Cochabamba, Bolivia).
Nel 2012 la sezione internazionale ha ampliato i propri orizzonti. La collaborazione con il Proyecto mARTadero è proseguita nell’ambito del progetto Territori del Sud/Territorios del Sur, che è stato la struttura portante nelle tre edizioni: si è aggiunta la collaborazione con Building Bridges Art Foundation, con sede a Los Angeles (USA), che, con il Progetto Bridge, ha aperto un ponte con gli artisti provenienti da Argentina, Messico e Stati Uniti.

Condividi